• venerdì , 20 maggio 2022

Crea l’ufficio del futuro con il giusto arredamento per ufficio coworking e open space

L’ufficio è il luogo dove i dipendenti di un’azienda trascorrono la maggior parte della propria giornata, proprio per questo è fondamentale predisporre un ambiente moderno, dinamico e confortevole, adeguato alle diverse esigenze di ogni impiegato. Infatti, ogni lavoro da svolgere richiede più o meno strumenti, e quindi necessita di maggiore spazio oppure no. Altri lavori, ancora, sono cooperativi, mentre altri si svolgono individualmente. In entrambi i casi, però, è possibile optare per una soluzione moderna, ovvero un’area coworking, che può essere anche open space. Questi spazi, in genere, richiedono più attenzione per un arredo funzionale ma moderno e di design.

Disporre le postazioni

La posizione delle scrivanie per ricavare le postazioni di lavoro dei diversi impiegati è fondamentale in un’area open space. Infatti, è fondamentale coniugare le esigenze di spazio con le esigenze lavorativeoffice-730681_640 delle persone. Ad esempio, se ogni impiegato deve svolgere solo mansioni individuali, senza dover collaborare con gli altri, è possibile optare per le scrivanie singole, ciascuna dotata della sua cassettiera, da posizionare in maniera equidistante l’una dall’altra.

Se lo spazio è poco, invece, si possono valutare soluzioni differenti come le scrivanie modulari, oppure affiancare le postazioni sul lato corto, realizzando più file. Invece, se i lavori da svolgere prevedono collaborazione tra i dipendenti, o il semplice scambio di idee può essere proficuo per tutti i membri del team, è preferibile scegliere delle scrivanie multipostazione, che permettono anche di razionalizzare gli spazi. In genere, ne bastano due o tre, che possono essere messe al centro dell’ufficio al fine di lasciare le pareti libere per scaffali ed altri accessori utili.

Attenzione alla privacy!

Quando si progetta uno spazio open space, è fondamentale garantire non solo un ambiente collaborativo tra i dipendenti, ma anche la privacy e l’assenza di interferenze che potrebbero distrarre gli impiegati dal lavoro, come ad esempio il rumore dei tasti o del mouse. Proprio per questo, quando si sceglie l’arredamento per ufficio coworking è bene pensare anche a soluzioni come pannelli separatori. Si tratta di pareti che possono essere posizionate sulle scrivanie, realizzate in diversi materiali, che permettono di ricavare postazioni separate anche su scrivanie adibite per più persone. È possibile scegliere anche materiali fonoassorbenti, che riducono il disturbo da parte del vicino di scrivania.

Gli errori da evitare

Arredare un ufficio open space, come già detto, richiede particolare attenzione. Proprio per questo, non bisogna commettere alcuni errori che potrebbero rendere il luogo di lavoro caotico. È fondamentale, ad esempio, scegliere arredi minimali e funzionali, evitando di sovraffollare l’ufficio con troppe cose che potrebbero limitare i movimenti. Un altro sbaglio che spesso si commette è prediligere l’estetica senza concentrarsi sulla comodità. Infatti, non sempre ci si focalizza sull’ergonomia degli arredi. Questo termine, indica molteplici aspetti, tra cui la sicurezza ed il confort.

Scegliere arredi ergonomici, pertanto, vuol dire prediligere mobili da ufficio di qualità, resistenti, realizzati con materiali atossici ed in grado di garantire una corretta postura ai dipendenti. Infine, è inevitabile pensare anche all’illuminazione dell’ambiente. Un altro errore, infatti, è quello di non scegliere una fonte luminosa adeguata e di tingere le pareti con colori scuri, che riduce la luminosità dell’intera area.

Related Posts

Leave A Comment