• martedì , 7 febbraio 2023

Le conseguenze dell’anatocismo bancario per i consumatori, in termini di costi e di danni economici

L’anatocismo bancario è una pratica adottata da alcune banche e società finanziarie che consiste nell’applicare un tasso di interesse composto (che prevede l’addizione degli interessi maturati alle rate successive) sui prestiti, finanziamenti o mutui erogati. Ciò può comportare per il consumatore il pagamento di importi molto superiori a quelli previsti inizialmente, con conseguenti difficoltà finanziarie.

In alcuni casi, l’anatocismo bancario può essere considerato illecito, in quanto va contro il codice civile che stabilisce che gli interessi sui prestiti debbano essere calcolati solo sull’importo principale erogato.

Pertanto, i consumatori che ritengono di essere stati vittima di anatocismo bancario possono chiedere il risarcimento del danno subito, presentando una richiesta di risarcimento alla banca o, in caso di esito negativo, rivolgendosi a un avvocato specializzato in diritto bancario per valutare la possibilità di presentare tale richiesta in sede giudiziaria.

Per difendersi dall’anatocismo bancario, è importante prestare attenzione alla lettura dei contratti di prestito o finanziamento, verificando la presenza di clausole che prevedono l’applicazione di interessi composti e, in caso di dubbi, chiedere chiarimenti alla banca o a un consulente finanziario indipendente.

Costi dell’anatocismo bancario

Il primo effetto dell’anatocismo bancario è l’aumento dei costi per i consumatori. Infatti, l’applicazione di un tasso di interesse composto può comportare il pagamento di importi molto superiori a quelli previsti inizialmente.

Ciò può causare difficoltà per il consumatore, soprattutto se non è stato adeguatamente informato in fase di contratto.

Danni economici dell’anatocismo bancario

Oltre ai costi diretti, l’anatocismo bancario può causare danni economici indiretti per ai consumatori.

Ad esempio, il sovrapprezzo dovuto all’anatocismo può rendere difficile far fronte alle proprie obbligazioni finanziarie, con il rischio di incorrere in ritardi nei pagamenti o di ritrovarsi a dover affrontare situazioni di sovra-indebitamento.

Inoltre, il mancato rispetto della normativa sull’anatocismo da parte delle banche può generare nei consumatori una scarsa fiducia nei confronti del sistema bancario e finanziario, con possibili ripercussioni negative sulla loro propensione a utilizzare i servizi bancari.

Cosa fare in caso di anatocismo bancario?

Prima di agire è necessario accertarsi che ci siano i requisiti per poter chiedere un risarcimento del danno. Non devono essere trascorsi più di 10 anni dalla sua chiusura, altrimenti l’eventuale reato sarà dichiarato prescritto.

Bisogna poi raccogliere per intero tutta la documentazione relativa al conto corrente, tra cui estratti conto, il contratto iniziale e le comunicazioni inviate dalla banca.

Si può tentare di risolvere con la banca in modo amichevole, presentando la richiesta ufficiale di risarcimento.

Se la contrattazione non va a buon fine, ci si può rivolgere a un avvocato di diritto bancario, che potrà valutare la possibilità di presentare richiesta di risarcimento in sede giudiziaria.

Sarà proprio l’avvocato a valutare se sussistono i requisiti per presentare la richiesta e, in caso positivo, si occuperà di rappresentare il cliente, presentando la documentazione necessaria come prove a sostegno della richiesta.

Related Posts

Leave A Comment